top of page

Attività fisica legata a minor rischio di Alzheimer

Secondo uno studio preliminare, le persone che sono fisicamente più in forma hanno meno probabilità di sviluppare il morbo di Alzheimer rispetto alle persone che sono fisicamente meno in forma.

Davvero?

Le persone fisicamente più in forma hanno meno probabilità di sviluppare il morbo di Alzheimer rispetto alle persone meno in forma fisica, secondo uno studio preliminare pubblicato oggi, 27 febbraio 2022, che sarà presentato al 74° incontro annuale dell'Accademia americana di neurologia che si terrà a persona a Seattle, dal 2 al 7 aprile 2022 e virtualmente dal 24 al 26 aprile 2022.


"Una scoperta interessante di questo studio è che con il miglioramento della forma fisica delle persone, il loro rischio di Alzheimer è diminuito - non era una proposta tutto o niente", ha detto l'autore dello studio Edward Zamrini, MD, del Washington VA Medical Center di Washington , DC e membro dell'American Academy of Neurology. "Così le persone possono lavorare per apportare cambiamenti e miglioramenti incrementali nella loro forma fisica e, si spera, ciò sarà associato a una relativa diminuzione del rischio di Alzheimer anni dopo".


Lo studio ha coinvolto 649.605 veterani militari nel database della Veterans Health Administration con un'età media di 61 anni che sono stati seguiti per una media di nove anni. All'inizio dello studio non avevano il morbo di Alzheimer.


I ricercatori hanno determinato l'idoneità cardiorespiratoria dei partecipanti. L'idoneità cardiorespiratoria è una misura di quanto bene il tuo corpo trasporta l'ossigeno ai muscoli e quanto bene i muscoli sono in grado di assorbire l'ossigeno durante l'esercizio.


I partecipanti sono stati divisi in cinque gruppi, dal meno in forma al più in forma. I livelli di fitness sono stati determinati dal modo in cui i partecipanti hanno eseguito un test su tapis roulant. Questo test misura la capacità di esercizio, la massima quantità di sforzo fisico che una persona può sostenere. Per le persone di mezza età e più anziane, il massimo livello di forma fisica può essere raggiunto camminando a passo svelto quasi tutti i giorni della settimana, per due ore e mezza o più a settimana.


Il gruppo con il livello di forma fisica più basso ha sviluppato l'Alzheimer a un tasso di 9,5 casi ogni 1.000 anni persona, rispetto ai 6,4 casi ogni 1.000 anni persona del gruppo più in forma. Gli anni-persona tengono conto del numero di persone in uno studio e della quantità di tempo trascorso nello studio. Il tasso di casi è diminuito all'aumentare del livello di forma fisica, con un tasso di 8,5 per il secondo gruppo meno in forma, 7,4 per il gruppo medio e 7,2 per il secondo gruppo più in forma.


Quando i ricercatori si sono adeguati per altri fattori che potrebbero influenzare il rischio di Alzheimer, hanno scoperto che le persone nel gruppo più in forma avevano il 33% in meno di probabilità di sviluppare il morbo di Alzheimer rispetto a quelle nel gruppo meno in forma. Il secondo gruppo più in forma aveva il 26% in meno di probabilità di sviluppare la malattia, mentre il gruppo intermedio aveva il 20% in meno di probabilità e quelli nel secondo gruppo meno in forma avevano il 13% in meno di probabilità di sviluppare la malattia rispetto a quelli nel gruppo meno in forma.


"L'idea che puoi ridurre il rischio di Alzheimer semplicemente aumentando la tua attività è molto promettente, soprattutto perché non ci sono trattamenti adeguati per prevenire o fermare la progressione della malattia", ha detto Zamrini. "Speriamo di sviluppare una scala semplice che possa essere personalizzata in modo che le persone possano vedere i vantaggi che anche i miglioramenti incrementali nel fitness possono offrire".


Una limitazione dello studio era che i partecipanti erano per lo più uomini bianchi, quindi i risultati potrebbero non essere generalizzabili ad altre popolazioni.


Lo studio è stato sostenuto dal National Institute on Aging, dal National Institutes of Health, dal Dipartimento per gli affari dei veterani degli Stati Uniti, dal Washington DC VA Medical Center e dalla George Washington University.


Fonte storia:


Materiali forniti dall'American Academy of Neurology


6 visualizzazioni0 commenti

コメント


bottom of page